Linguaggi

Gli haiku, piccoli misteri lunghi una vita

21.07.2020

L’Haiku dovrebbe svelare il mistero, i misteri della vita”

Ban’ya Natsuishi, docente presso l’Università di Meij

*****

 

Hino Sōjō (1901-1956)

 

“Se chiudo gli occhi
Allora mi scaldo
Ad un amore antico.”
“Nel porto
i nomi delle navi
lette dalla luna”
“Nuvole di primavera –
appena le guardo
se ne vanno”
******
Opera di Haruyo Morita
*****
Reiji Hiramatsu

 

 

 

 

 

 

 

 

*****

Mukai Kyorai (1651 – 1704)

 

“Uccelli migratori –
anche la casa dove sono nato
è oggi il tetto di una notte”
*****

Ito Shintoku (1633-1698)

 

“Pioggia:
attraversa il mio cancello
un mazzo di iris”
*****
 Santoka Taneda (1882 – 1940)

“È la mia
Questa figura di spalle
Che se ne va nella pioggia?”

“Beh, andiamo
ovunque il vento
decida di soffiare!”

“Portata a letto
la luna,
mi addormento”

“È la mia
Questa figura di spalle
Che se ne va nella pioggia?”

*****

Kiyohara No Fukayabu (X secolo)
“In una valle senza luce,
anche la primavera
è fuori luogo e neppure
v’è l’inquietudine dei fiori
che sbocciano e subito cadono.”
“A lungo dura l’inverno
e fioccano dal cielo
petali di fiori…
Ma al di là delle nuvole
è certo primavera.”
*****

Ki No Tsurayuki (872 – 945)

“Trovando riparo
tra i monti di primavera,
la notte nel sonno
persino in sogno
ecco, i fiori cadono.”

“I fiori di ciliegio scendono e scendono

ma all’uomo che se ne incanta non possono

diventar neve, né bagnargli la veste”

 

*****

Yamamoto Tsunetomo ( o Yamamoto Jōchō 1659 – 1719)
“In mezzo a ogni singolo respiro,
dove i pensieri vani non trovano appiglio,
lì è la Via.”

“Da questo mondo fluttuante,

quanto è distante il ciliegio selvatico?”

*****
Omid Assid
*****

 

 

 

 

 

 

*****

Tomiyasu Fusei (1885 – 1979)

 

“Minuscolo,
un fazzoletto di giardino.
Malata, vi cade,
immensa,
una foglia.”

*****

Ogiwara Seisensui (1884-1976)

“Soffioni,
occhi di primavera ridenti
sul litorale sabbioso.”

“Dalla cesta
una ad una le lucciole
diventano stelle”.

Peonia,
petalo a petalo
palpiti, ti apri,
ti ricomponi”

“Anche se spegnessi la lampada
avrei tra le palpebre
lo splendore della luna”

Tanti ali di farfalla
da piegare i fiori.”

“Triangolo di raggi di sole:
Una semplice vita
In cui un ago lungo
Ne segue uno corto.”

*****
Dipinto di Nobuyoshi Watanabe
*****
Ikkyu Sojun (1394-1481), poeta e maestro zen
“Se si spezza un albero di ciliegio,
dentro non si troveranno fiori.
I fiori sono dentro la primavera.”
“Non ho destinazioni,
come potrei perdermi?”
*****
Sekimori Katsuo (1937)
“Aranci in fiore
quelle montagne mordono
l’azzurro del mare.”
“E dalla crisalide
solo un filo.
 Vivo con tranquillità.”
*****
Naitō Jōsō (1662-1704)
“Non c’è nulla –
i campi e le montagne
rubati dalla neve.”
“raggiungendo
il fondo della tristezza
– nevischio”
“voce di lupi
riuniti insieme –
crepuscolo di neve”
*****
Masajo Suzuki ((1906-2003) 
Erba secca –
quando penso a lui
ogni cosa è dorata
*****
“Vengono le oche selvatiche,
per chi resta nel mondo
e per chi lo abbandona.”
*****
Immagine dal web
*****
Takahama Kyoshi (1874-1959)
“L’arcobaleno si erge
come se tu fossi qui
in un momento.”
*****

Nell’immagine in evidenza: Itō Jakuchū (1716 – 1800),  Foglio dal Jakuchū gafu (Album di Jakuchū)  

Lascia un commento