Fosforescenze

La nostra casa, la natura

11.11.2021

“La natura non è un posto da visitare. E’ casa nostra.

Gary Snyder

*****

“Tu non sai: ci sono betulle che di notte levano le loro radici, e tu non crederesti mai che di notte gli alberi camminano o diventano sogni. Pensa che in un albero c’è un violino d’amore. Pensa che un albero canta e ride. Pensa che un albero sta in un crepaccio e poi diventa vita. Te l’ho già detto: i poeti non si redimono, vanno lasciati volare tra gli alberi come usignoli pronti a morire.”

Alda Merini

*****
“Credo che avere la terra e non rovinarla sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare.”
Andy Warhol

*****

L’aria è limpida quanto basta per gli angeli.”

Sylvia Plath

*****
“Sono cresciuta nei boschi e ho imparato ad ascoltare. Lì gli orsi li senti prima ancora di vederli. Nelle terre Artiche, invece, bisogna guardare, perché gli orsi polari non fanno rumore, nuotano sott’acqua, con solo il naso fuori. Per difendersi è necessario portare con sé due bastoni bianchi, così da sembrare un tricheco, l’unico essere di cui gli orsi polari hanno davvero paura. Per sopravvivere nella natura bisogna conoscere i propri predatori e non sembrare delle prede. Questa è una lezione di vita che tutte le giovani donne dovrebbero apprendere il prima possibile, per essere preparate a reagire ai predatori, siano essi animali o umani.”

Margaret Atwood

*****
“Il prossimo sdilluvio universale” pinsò “non sarà fatto d’acqua, ma di tutti i nostri rifiuti accumulati nei secoli. Moriremo assuffucati dalla nostra stissa merda.”

Andrea Camilleri, da “La prima indagine di Montalbano”, in “Ritorno alle origini”

*****
“Gli animali e gli alberi insegnano a non sapere, a tollerare di stare al mondo senza l’ossessione di capire”.

Chandra Livia Candiani, da “Questo immenso non sapere. Conversazioni con alberi, animali e il cuore umano”

*****

“Questo è un altro aspetto rasserenante della natura: la sua immensa bellezza è lì per tutti. Nessuno può pensare di portarsi a casa un’alba o un tramonto.”

Tiziano Terzani, da “Un altro giro di giostra”

*****

“In natura tutto parla,
nonostante il suo apparente silenzio.”

Hazrat Inayat Khan

*****

“Non ci sono passeggeri sul “Battello Terra”. Siamo tutti membri dell’equipaggio.”

Marshall McLuhan

*****

“Quando il mondo classico sarà esaurito, quando saranno morti tutti i contadini e tutti gli artigiani, quando non ci saranno più le lucciole, le api, le farfalle, quando l’industria avrà reso inarrestabile il ciclo della produzione, allora la nostra storia sarà finita”

Pier Paolo Pasolini, da “La Rabbia”, 1962

*****

“Se pensi all’anno prossimo semina il granturco. Se pensi ai prossimi 10 anni pianta un albero. Se pensi ai prossimi 100 anni istruisci le persone.”

Zygmunt Bauman

*****

“Devo lasciare un biglietto a mio nipote: la richiesta di perdono per non avergli lasciato un mondo migliore di quello che è.”

Andrea Zanzotto

*****

“Viene voglia di sdraiarsi proprio in mezzo alla strada. E guardare e aspettar che qualcuno gentile ti tocchi la spalla e dica: ”Il mondo è finito, signore”.
Se ne può andare.

Stefano Benni

*****

“L’ultimo uomo sulla Terra sedeva da solo in una stanza. Qualcuno bussò alla porta.”

Fredric Brown, da “Toc toc”, in “Wonder Storie”, dicembre 1948

*****

Foto di Robert e Shana ParkeHarrison

*****

“Veniamo da un uovo più piccolo di una testa di spillo, e viviamo su una pietra che gira intorno a una stella nana e che, contro questa stella, prima o poi, si scontrerà. Tuttavia, siamo stati fatti di luce, oltre che di carbonio, ossigeno, merda, morte e altre cose e, in fin dei conti, siamo qui da quando la bellezza dell’universo ha avuto bisogno di essere vista da qualcuno.“

Eduardo Galeano

*****

“Noi prendiamo una manciata di sabbia dal panorama infinito delle percezioni e la chiamiamo mondo.”

Robert Pirsig, da “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”

*****

“Inquinatevi acque marine a Sua Maestà il Petrolio.
Porti una conchiglia all’orecchio e senti il rumore del water.”
Marcello Marchesi, da “Il malloppo”, 1971
*****
“Ogni filo d’erba sembra contenere una biblioteca dedicata alla meraviglia, al silenzio e alla bontà.”
Fabrizio Caramagna
*****
Abhijit Paul (artista indiano)
*****
“Inquilini della terra, non è carino che ci diamo tante arie di proprietari.”
Gesualdo Bufalino, da “Bluff di parole”, 1994

*****

“Questa pallottola rugosa, la terra, quando si screpola e scoscende per frane e tremuoti, chissà che non voglia scoraggiarci e scrollarci di dosso, noi miriadi di parassiti, culture di bacilli penicillinoresistenti!”
Gesualdo Bufalino, da “Il malpensante”, 1987
*****
“Gli uomini, i leoni, le aquile e le pernici, i cervi dalle maestose corna, le oche, i ragni, i pesci silenziosi abitatori dell’acqua, le stelle marine e tutti quegli esseri invisibili a occhio nudo, in una parola, tutte le vite, tutte le vite, tutte le vite, compiuto un malinconico ciclo, si spensero… Sono migliaia di secoli che la terra non porta su di sé una sola creatura vivente, e questa povera luna invano accende il suo lume. Sul prato non si svegliano più con un grido le gru, non si sentono più i maggiolini nei boschetti di tigli. Fa freddo, freddo, freddo. C’è vuoto, vuoto, vuoto. Paura, paura, paura.”
Anton P. Čechov, “Monologo di Nina”, da “Il gabbiano”, Atto I, 1896
*****
“Un uomo si propone il compito di disegnare il mondo. Trascorrendo gli anni, popola uno spazio con immagini di province, di regni, di montagne, di baie, di navi, di isole, di pesci, di dimore, di strumenti, di astri, di cavalli e di persone. Poco prima di morire, scopre che quel suo paziente labirinto di linee traccia l’immagine del suo volto.”
Jorge Luis Borges, da “L’artefice”, 1960
*****
“Le montagne che ne amano altre lo esprimono semplicemente
scambiandosi stormi di uccelli.”
Juan Carlos Galeano (poeta colombiano)
*****

Lascia un commento