Fosforescenze

Ah! C’est l’amour, c’est l’amour…

22.02.2022
“Mensura amoris sine mensura amare”
(“La misura di amare è di amare senza misura”)

Bernardo di Chiaravalle, da “De diligendo Deo”, Cap. I (incipit), XII secolo

*****

“Fummo quello che non si racconta né si ammette, ma che mai si dimentica.”
Frida Kahlo
*****
Nella foto: Frida Kahlo e Diego Rivera
*****
“Odero, si potero; si non, invitus amabo.”
(“Ti odierò, se potrò; altrimenti ti amerò mio malgrado”)
Publio Ovidio Nasone, da “Amores”, III, 11b, 3

*****

“Dimmi tu addio
che a me dirlo non riesce.
Morire è facile.
Perderti è difficile.”

Umberto Saba

*****

“Non mi
tentare,
perché se ci tentiamo
non ci potremo
dimenticare.”
Mario Benedetti, da “Lei che passa”, in “L’amore, le donne, la vita”
*****
“Abbiamo voluto cambiare il mondo
e ci siam ritrovati con la vita disfatta,
ma la notte è stata bella.
Chi dice che l’amore è a perdere
ha già perso l’amore.”
Jacques Prévert, da “Spectacle,” 1949
*****
“La prima volta non fu quando ci spogliammo
ma qualche giorno prima,
mentre parlavi sotto un albero.
Sentivo zone lontane del mio corpo
che tornavano a casa”
Franco Arminio
*****

“Ci salverà l’amore,
ci salverà il bacio,
il graffio sulla schiena,
il corpo tuo gemello
della luna piena”

Franco Arminio

*****

“I grandi amanti
hanno il tremore dei passeri
nei giorni di neve.
I grandi amanti
non si nascondono nel lavoro,
in un partito, in una famiglia.
Per loro la vita è vera
solo quando si ama
e quando si muore.

Franco Arminio

*****

“Cercate un uomo
o una donna
che non siano di questo mondo, cercatevi
Giordano Bruno,
o Giovanna D’arco.
L’amore è di chi prende
la febbre per uno sguardo
dell’altro, per un respiro,
un abbraccio.
L’amore è di chi brucia
e incendia ogni strada
in cui passa.”
Franco Arminio
*****
“Stare con te
è come andare
alle cene delle bufere,
ai compleanni dei temporali,
alla nascita delle maree.”
Franco Arminio, da “Resteranno i canti”
*****
              Illustrazione di Mojmir Jezek
*****
“Oggi stavi nel mio sangue
e io me ne accorgevo
ogni volta che il sangue
entrava dentro il cuore.”
Franco Arminio
*****
“La prima volta non fu quando ci spogliammo
ma qualche giorno prima,
mentre parlavi sotto un albero.
Sentivo zone lontane del mio corpo
che tornavano a casa.”

Franco Arminio, da “Cedi la strada agli alberi. Poesie d’amore e di terra”

*****

“Tu mi ricordi una poesia che non riesco a ricordare
una canzone che non è mai esistita
e un posto in cui non devo essere mai stato”
Efraim Medina Reyes, da ““C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo”, 2001
*****
“L’amore non dà nulla fuorché se stesso
e non coglie nulla se non da sé stesso.
L’amore non possiede,
né vorrebbe essere posseduto
poiché l’amore basta all’amore”
Khalil Gibran, da “Il profeta, 1923
*****
“L’amore non si manifesta col desiderio di fare l’amore (desiderio che si applica a una quantità infinita di donne) ma col desiderio di dormire insieme (desiderio che si applica ad un’unica donna“.
Milan Kundera, da “L’insostenibile leggerezza dell’essere”, 1984
*****
“Qualche volta
l’amore è una pistola carica
di solitudine e di malinconia”
Joan Margarit, dalla poesia “La ragazza del semaforo”, in “Joana”, 2002
*****
Berardi Del Bene, “Abbandono”
*****
“Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine e altre che rimangono single per un colpo di genio”
Schulz, “Peanuts”
*****

“Ognuno ha una favola dentro
che non riesce a leggere da solo.
Ha bisogno di qualcuno che,
con la meraviglia e l’incanto
negli occhi, la legga e gliela racconti.”

Pablo Neruda

*****

Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare”

Mahatma Gandhi

*****

Spogliandosi, lei era diventata rossa e aveva tirato la pancia in dentro. “Prima devo mettermi a dieta.” Lui aveva scosso la testa. “Niente dieta, niente dieta.”
Non voleva che nel mondo esistesse neanche un centimetro di meno di lei.
Virginia MacGregor, da “Quello che gli occhi non vedono”

*****

Dipinto di Lisandro Rota

 

*****

 

“L’amore vero si dispera o va in estasi per un guanto perduto o per un fazzoletto trovato, e ha bisogno dell’eternità per la sua devozione e le sue speranze. Si compone insieme dell’infinitamente grande e dell’infinitamente piccolo.”

Victor Hugo

*****

“Il vero amore è come una finestra illuminata in una notte buia. Il vero amore è una quiete accesa.”

Giuseppe Ungaretti, da “Silenzio in Liguria”, in “Sentimento del Tempo”, 1933

*****

“Non voglio un amore a metà, lacerato, spaccato in due. Ho lottato e sofferto così tanto che mi merito qualcosa di complesso, intenso, indistruttibile.”

Frida Kahlo

*****

“L’amore è come un profumo, come una corrente, come la pioggia. Sai, cielo mio, tu sei come la pioggia ed io, come la terra, ti ricevo e accolgo.”

Frida Kahlo

*****

“Amarti è stato come conficcare una stella nel vetro di una finestra.”

Alda Merini
*****

“È necessario che una donna lasci un segno di sé, della propria anima, ad un uomo perché, a fare l’amore siamo brave tutte!”

Alda Merini

*****

“Sei la finestra a volte verso cui indirizzo parole di notte, quando mi splende il cuore.”

Alda Merini

*****

“L’amore è un chirurgo senza esperienza: dimentica le farfalle nello stomaco, mette il cuore in gola, sposta la testa tra le nuvole.”

Anonimo

*****

“L’amore allora è scambio di abbracci affondati,
un bisogno di nodo.
E in fondo a ogni stretta finita,
in fondo al darsi pace,
resta non detto un addio indurito.
Strano sentirsi perduti tutti i giorni
e non dirsi mai addio.”
Erri De Luca, da “Tre cavalli”

*****

“Due non è il doppio ma il contrario di uno, della sua solitudine.
Due è alleanza, filo doppio che non è spezzato.”
Erri De Luca, da “Il contrario di uno”
*****
“Ci si innamora così, cercando nella persona amata il punto a nessuno rivelato, che è dato in dono solo a chi scruta, ascolta con amore. Ci si innamora da vicino, ma non troppo, ci si innamora da un angolo acuto un poco in disparte in una stanza, presso una tavolata, seduto su un gradino mentre gli altri ballano…”

Erri De Luca, da “Tu, mio”

*****
“Adesso che non c’è, glielo dico nel buio. Avevo ragione, non so perderti. Continuo a strepitare in cuore come un pollo strozzato.
Non succede due volte di essere amato con l’intensità di una missione. Non succede a molti di noi neanche una volta.”
Erri De Luca, da “La Natura Esposta”, 2016
*****
“Fai come il lanciatore di coltelli, che tira intorno al corpo.
Scrivi di amore senza nominarlo, la precisione sta nell’evitare.
Distraiti dal vocabolo solenne, già abbuffato,
punta al bordo, costeggia, il lanciatore di coltelli tocca da lontano,
l’errore è di raggiungere il bersaglio, la grazia è di
mancarlo.”
Erri de Luca, da “L’ospite incallito”
*****
      Raymond Peynet, “Les amoreux”
*****
Non sono sicuro di averti dentro di me né di essere dentro di te e neppure di possederti.
Credo invece che siamo entrambi dentro un altro essere che abbiamo creato e che si chiama “noi”.
Valerie Perrin, da “Cambiare l’acqua ai fiori”
*****
“Le lacrime e i sospiri degli amanti,
l’inutil tempo che si perde a giuoco,
e l’ozio lungo d’uomini ignoranti,
vani disegni che non han mai loco,
i vani desideri sono tanti,
che la più parte ingombran di quel loco:
ciò che in somma qua giù perdesti mai,
là su salendo ritrovar potrai.”

Ludovico Ariosto, da “Orlando furioso”, Canto XXXIV”

*****

“Resta con chi continua a cercarti,
anche se ti ha già trovato.”

Alejandro Jodorowsky

*****
“L’amore è cieco, e gli amanti non vedono le amabili follie cui s’abbandonano”
William Shakespeare, da ” Il mercante di Venezia”
*****
«L’amore è vaporosa nebbiolina formata dai sospiri; se si dissolve,
è fuoco che sfavilla scintillando negli occhi degli amanti;
s’è ostacolato, è un mare alimentato dalle lacrime degli stessi amanti.
Che altro è esso? Una follia segreta, fiele che strangola e dolcezza che sana».

William Shakespeare, da “Romeo e Giulietta”

*****
“Nessuno aveva mai visto insieme il giorno e la notte. Dove c’era uno non c’era l’altra. Ma una volta si incontrarono e dal loro amore nacquero gli scacchi, il pianoforte, il simbolo del Tao e il panda.”

Fabrizio Caramagna

*****

“Ti voglio bene ma mica il bene così, quello semplice. A me piace il Bene, quello fatto di colori e sorrisi giusti e mani tese per aiutare e orecchie che ascoltano e passi che quando sei smarrito ti riportano sulla strada giusta.”

Fabrizio Caramagna

*****

“A volte bisogna metterlo il punto. In fondo a una frase. O alla fine di una relazione.
Che quel senso di vago e sospeso è un chiodo senza quadro.”
Fabrizio Caramagna

*****

Opera di Enzo Rinaldi

 

*****

Uniti o divisi, c’è sempre un prezzo da pagare. Quando sei in coppia e vivi l’amore, devi pagare un costo in schiavitù; quando sei solo e vivi la libertà, devi pagare un costo in solitudine. Hai solo l’imbarazzo della scelta. Ma può anche andare peggio: puoi essere in coppia e pagare un costo sia in schiavitù che in solitudine!

Giobbe Covatta, da “Dio li fa e poi li accoppa”

*****
“Quei due, così come sono,
sono reciprocamente necessari.
E pensò: ecco, questo modo d’essere è l’amore.
E poi: l’umano arriva dove arriva l’amore; non ha confini se non quelli che gli diamo.”

Italo Calvino, da “La giornata di uno scrutatore”

*****
“Fra i rumori della folla ce ne stiamo noi due, felici di essere insieme, parlando piano, forse nemmeno una parola.”

Walt Whitman

*****
“Apprendere l’amore significa comprendere l’attesa. Sentire l’attesa vuol dire apprendere la passione. Vivere la passione è dimenticare la paura della perdita. L’apprendistato è infinitamente lungo, quanto breve è il piacere dei sensi, ma fulmineo è quel piacere che non è transitato per l’apprendistato”.

Clarice Lispector

*****
“Ma perché arrivi (intendo un amore autentico, onesto e sano) la cosa migliore è non pensarci troppo, non invocarlo. Altrimenti ci si inganna.
Si mette la maschera dell’amore sul primo e più rozzo dei volti.”

Irène Némirovsky, da “Il calore del sangue”

*****

“So di essere molto esigente e quello che pretendo mi rende la vita difficile. Non sono mai soddisfatta né degli altri né di me stessa. L’amore io lo concepisco unicamente come qualcosa di assoluto e deve racchiudere in sé, perfette, la fedeltà, la comprensione, l’amicizia. Non immagino niente di diverso. Né lo accetterei.”

Irene Nèmirovsky, da “Due”, 1939

*****

“Amare è cambiare casa all’anima,
È avere nell’altro, il nostro pensiero”.

Mario Quintana

*****

“Il solo alchimista capace di cambiare tutto in oro è l’amore. L’unico sortilegio contro la morte, la vecchiaia, la vita abitudinaria, è l’amore.”

Anaïs Nin

*****

“Ero neve, tu mi hai fatto sciogliere. Il suolo mi ha assorbito.
Nebbia dello spirito, ritorno verso il sole.”

Jalāl al-Dīn Moḥammad Rūmī

*****

“Amore è quello spigolo
che al cieco
dà tatto e memoria
di ciò che mai vide
o che vide
senza meraviglia di vedere.”

Alberto Bevilacqua

*****

“Tra due persone accade che talvolta, molto raramente, nasca un mondo. Questo mondo è poi la loro patria, era comunque l’unica patria che noi eravamo disposti a riconoscere. Un minuscolo microcosmo, in cui ci si può sempre salvare dal mondo che crolla.”

Martin Heidegger, da una lettera a Hannah Arendt

*****

“L’amore non si limita a sedersi lì,
come una pietra,
deve essere fatto,
come il pane,
rifatto tutto il tempo,
reso nuovo.”

Ursula K. Le Guin

*****

“L’amore è come bruciarsi in due
nello stesso tronco. Onda di luce
che piano respira e si fa autunno.”

Lea Ferranti

*****

“La coppia è un cammino, non è un sostare dinanzi a uno specchio. Se la coppia abbandona il viaggio di ciascuno dei due verso se stesso, tradisce l’amore.
Se l’altro serve a completarci significa che lo stiamo usando. L’altro deve essere se stesso, ed è proprio la sua unicità che aiuta a far emergere la nostra autenticità.
La completezza non è somma di parti, ma è una conseguenza dell’essere se stessi.”

Enrico Avveduto

*****

“Sei l’unica persona con cui posso parlare dell’ombra di una nuvola, della musica di un pensiero.
E di come, quando oggi sono andato a lavorare e ho guardato in faccia un girasole, mi ha sorriso con tutti i suoi semi.”

Vladimir Nabokov

*****

“Quante volte ci siamo incontrati
come accade a stranieri per la via:
figli della fortuna ignari, entrati
dalla porta del cielo per magia.”

Sara Teasdale, “Fortuna”, da “Gli amorosi incanti”

*****

“L’unica ossessione che vogliono tutti: l’amore. Cosa crede la gente, che basti innamorarsi per sentirsi completi? La platonica unione delle anime? Io la penso diversamente. Io credo che tu sia completo prima di cominciare. E L’amore ti spezza. Tu sei intero, e poi ti apri in due.”
Philip Roth, da “L’animale morente”, 2001
*****
“L’amore ti spezza.
Tu sei intero, e poi ti apri in due.”
Philip Roth, da “L’animale morente”, 2001
*****
Illustrazione di Aykut Aydogdu
*****
“L’unica cosa che hai che nessun altro ha sei tu.
La tua voce, la tua mente, la tua storia, la tua visione.
Quindi scrivi e disegna e costruisci e suona e balla e vive come solo tu sai fare.”

Neil Gaiman

*****

“La distanza non è un problema.
Il problema siamo noi umani,
che non sappiamo amare senza toccare,
senza vedere o senza ascoltare.
E l’amore si sente con il cuore,
non con il corpo.”

Gabriel García Márquez

*****

“Ti amo non per chi sei, ma per chi sono io quando sono con te”

Gabriel Garcìa Marquez

*****

“Si può essere innamorati di diverse persone per volta, e di tutte con lo stesso dolore, senza tradirne nessuna, il cuore ha più stanze di un bordello.”
Gabriel García Márquez, da “L’amore ai tempi del colera”, 1985
*****
Mojmir Ježek
*****
“C’era una stella sola e limpida nel cielo di rose, un battello lanciò un addio sconsolato, e sentii in gola il nodo gordiano di tutti gli amori che avrebbero potuto essere e non erano stati.”
Gabriel Garcia Marquez, da “Memoria delle mie puttane tristi”, 2004
*****
“Tu che cammini stasera nella strada deserta, vai piena dei baci non dati. Ignori la scrittura prodigiosa dell’amore. Anche se non mi conosci, nel mio cuore trema lo stesso mare che danza nelle tue vene. Prendi i miei occhi millenari, il mio corpo ripetuto, il sussurro della mia spiaggia.”

Rafael Cadenas, da “Un’isola”

*****

“”Credo solo agli atti, amore mio. Ai piccoli atti. Piccolissimi. cazzuti. Quelli che fanno la felicità del giorno e del perimetro, niente di più. Quanto alle parole… Abbiamo parlato tanto, io e la mia generazione, proprio tanto… Lo vedi il risultato?”
“E i sentimenti?” domandava Tatiana.
“Sensazioni che hanno preso la parola.”
“È bello da sentire. Viva l’amore…”
“L’amore, amore mio, è una somma di piccoli atti che raccontano in silenzio una storia precaria…”

Daniel Pennac, da “Signori bambini”

*****

Peynet, “I fidanzatini”

*****

Nel greco antico i termini utilizzati per definire i vari sensi con cui attualmente si usa la parola “amore” sono in maggior numero e perciò più precisi, rispetto alle molte lingue moderne.
• Agape (αγάπη) è amore di ragione, incondizionato, anche non ricambiato, spesso con riferimenti religiosi: è la parola usata nei vangeli.
• Philia (φιλία) è l’amore di affetto e piacere, di cui ci si aspetta un ritorno, ad esempio tra amici.
• Eros (έρως) definisce l’amore sessuale.
• Anteros (αντέρως) è l’amore corrisposto.
• Himeros è la passione del momento, il desiderio fisico presente e immediato che chiede di essere soddisfatto.
• Pothos è il desiderio verso cui tendiamo, ciò che sogniamo.
• Stοrge (στοργή) è l’amore d’appartenenza, ad esempio tra parenti e consanguinei.
• Thelema (θέλημα) è il piacere di fare qualcosa, il desiderio voler fare.

Fonte: Melting pot

*****

Avrei dovuto avere due cuori, il primo insensibile, il secondo costantemente innamorato: questo lo avrei affidato a coloro per cui batte e con l’altro avrei vissuto felice. “

Amin Maalouf

*****

A volte, le panchine del parco della mia casa si innamorano, si portano appresso un paio d’umani che condividono la pelle senza il minimo pudore. La pelle donata scompare con il fiato che esce dalle loro bocche, e dentro la fragile bolla urbana c’è un colore rossiccio che offusca gli sguardi criticoni di quelli che gli passano al fianco e dicono “che brutto vedere un paio d’umani con il cuore in mano…”

Bita Chiesa Carbajal

*****

“Fra tutti i modi di produzione dell’amore, fra tutti gli agenti disseminatori del male sacro, certamente uno dei più efficaci è questo gran soffio di agitazione che a volte passa su di noi. Allora l’essere col quale in quel momento ci piace stare, il dado è tratto, sarà lui che ameremo. Non c’è neanche bisogno che finora ci sia piaciuto più di altri, e neppure altrettanto; bisogna solo che il nostro gusto per lui sia diventato esclusivo. E la condizione si è verificata quando – nel momento in cui è mancato — alla ricerca dei piaceri che ci dava il suo fascino si è sostituito improvvisamente in noi un bisogno ansioso, che ha per oggetto quel medesimo essere, un bisogno assurdo, che le leggi di questo mondo rendono impossibile da soddisfare e difficile da guarire, il bisogno insensato e doloroso di possederlo.”

Marcel Proust, da “Alla ricerca del tempo perduto. Dalla parte di Swann”, 1906

*****

“L’amore è la cosa più strana che ci può capitare. Ci sorprende e ci sconvolge. È impossibile comprenderlo attraverso la logica e la deduzione filosofica, i sondaggi e le ricerche di mercato, le analisi del sangue e i test ormonali. Ed è assurdo generalizzare – “gli uomini” e “le donne” – di fronte a un sentimento disordinato e sovversivo, che ci fa scegliere le persone. O meglio, quella persona. Ma che cosa fa scattare questa attrazione, che può diventare un legame profondo? Per capire l’amore, non basta certo un banale manualetto di istruzioni. “Amore. Un sentimento disordinato” esplora e chiarisce le grandi domande che ci poniamo quando pensiamo all’amore. Che rapporto c’è tra l’amore e il sesso? Gli uomini e le donne pensano davvero in modo diverso? Posso amare chi voglio? Cosa c’entra l’amore con le nostre ambizioni e aspettative? E l’amore è sempre lo stesso, o in questi anni qualcosa è cambiato?”

Richard David Precht, da “Amore. Un sentimento disordinato”

*****

“Mi hai rubato l’est; mi hai rubato l’ovest; ti sei presa ciò che mi sta davanti e ciò che mi sta dietro; mi hai rubato la luna, mi hai rubato il sole; grande è la mia paura che tu abbia rubato Dio!”
Erica Wagner, da “Sylvia e Ted” (Sylvia Plath, Ted Hughes e le «Lettere di compleanno»)
*****
Bansky
*****
“Gli ho raccontato il mio passato, il mio presente e il mio futuro. Ho sussurrato le mie paure e gridato i miei sogni. Gli ho mostrato i miei punti deboli, e se n’è andata.”
Charles Bukowski
*****
“Hai caricato troppa polvere da sparo
in quegli occhi, amore.
Taci adesso,
se respiri l’anima dalla mia bocca
esplodi.”
Mirela Stillitano,  da “L’ amore immaginato, cantato alla luna”
*****
“Non regalarmi fiori recisi, anche se sono di un immensa bellezza. Non accetto più niente, nella mia vita, che non abbia radici.”
Ada Luz Márquez
*****

“L’amore è donare quello che non si ha a qualcuno che non lo vuole.“

 Jacques Lacan

*****

Che importa quanti amanti hai se nessuno di loro ti dà l’universo?
Jacques Lacan, da “Il seminario. Libro XX”, 1975

*****

“Due mesi senza incontrarci.
Un secolo
e nove secondi.”

Yiannis Ritsos

******

“Spengi i miei occhi: ti vedrò lo stesso.
Riempimi gli orecchi: posso sentirti.
E senza piedi ti cammino ancora a fianco.
E senza bocca posso ancora scongiurarti.
Spezzami le braccia
ti abbraccerò col cuore con una mano.
Strappami il cuore: e mi batterà il cervello.
E se spegni anche il fuoco nella mente
allora ti porterò nel sangue.”

Rainer Maria Rilke

*****

“Chi ti ama ti strappa dagli occhi la malinconia, ci semina campi di girasoli e nuvole di sogni.”
Barbara Brussa
*****
Illustrazione di Piero Schirinzi
*****
“Noi ci tocchiamo.
Con che cosa?
Con dei battiti d’ali.
Con le lontananze stesse
ci tocchiamo.”
Rainer Maria Rilke, da “Elegie duinesi”, dedica a Marina Cvetaeva
*****
“Non so esattamente cosa spinga due persone a legarsi. Forse la sintonia, forse le risate, forse le parole.
Probabilmente, l’incominciare a condividere qualcosa in più, a parlare un po’ di sé, a scoprire pian piano quel che il cuore cela.
Imparare a volersi bene, ad accettarsi per i difetti, i pregi, per le arrabbiature e le battute.
O forse accade perché doveva accadere.
Perché le anime son destinate a trovarsi, prima o poi.”

Paulo Coelho

******

“Ci vuole un gran coraggio a lasciarsi amare incondizionatamente. Un coraggio che è quasi eroismo. La maggior parte delle persone non sa amare né lasciarsi amare, perché è vigliacca o superba, perché teme il fallimento. Si vergogna a concedersi a un’altra persona, e ancor più ad aprirsi davanti a lei, poiché teme di svelare il proprio segreto. Il triste segreto di ogni essere umano: un gran bisogno di tenerezza, senza la quale non si può resistere.”

Sándor Márai, da “La donna giusta”

*****

“Avrebbe voluto che suo marito le dicesse che era bella e che il suo amante le dicesse che l’amava. Impossibile. Stando così le cose, li lasciò entrambi e si comprò un grande specchio e le opere complete di Mozart. Non fu mai tanto felice come in quell’estate azzurra.”

Ángeles Mastretta, da “Mariti”

*****

“La passione è una grande fabbrica di illusioni, solo chi è riuscito a liberarsene può raggiungere la libertà.”

Simone Weil

*****

“L’amore è questo che dovrebbe farti fare quello che Van Gogh fa con i girasoli: tu sei lì, non sei niente di speciale, anzi hai anche un sacco di lati che il resto del mondo vede e pensa siano stupidi, pazzi, brutti o insignificanti, e poi improvvisamente arrivi davanti a qualcuno matto abbastanza da guardarti e vederti dentro tutta la cazzo di bellezza che c’è nel mondo.”

Enrico Galiano, da “Più forte di ogni addio”

******

“Io non voglio solo il meglio di te. Io voglio tutto di te, ti voglio la mattina, accanto a me, spettinata e con gli occhi gonfi, ti voglio in pigiama e con le coperte fino al collo, ti voglio nervosa, capricciosa, non voglio solo il meglio di te, voglio il peggio, soprattutto quello.”

 Niccolò Ammaniti

*****

“Ciò che è noioso nell’amore è che si tratta di un delitto in cui non si può fare a meno di un complice.”

Charles Baudelaire

*****

“Non volevo che mi mancassi più e ho fatto di tutto per riempirmi la vita di cose da fare. Ma ogni momento in cui mi mancavi di meno, iniziavo a mancarmi io. Ci illudiamo di dimenticare e in realtà impariamo soltanto a riempire gli spazi bui….”

Massimo Bisotti

*****

“L’amore cosciente risveglia l’amore cosciente. L’amore emozionale evoca l’opposto. L’amore fisico dipende dal tipo e dalla polarità. La fede cosciente è  libertà. La fede emozionale è schiavitù. La fede meccanica è stupidità. La speranza incrollabile è forza. La speranza piena di dubbi è vigliaccheria. La speranza piena di paura eèdebolezza..”

Georges Ivanovič Gurdjieff 

*****

“Ci terremo semplicemente per mano e andremo con passo leggero, dicendo cose insensate, stupide e care.
Fino a che si accenderanno i lampioni dai casamenti…
E allora noi taceremo sempre tenendoci per mano, poiché le anime si parleranno senza parole.”

Dino Buzzati, “Inviti superflui”

*****

Foto di Henry Cartier-Bresson

*****

“Capita qualche volta che il Padreterno, andando a controllare la catena di montaggio dove passano a una a una le anime destinate a essere inviate sulla terra, si accorga, che, per un inspiegabile errore, sono state fabbricate due anime per un corpo solo. E allora, che fare di questa anima in più? Non resta che ricorrere a una specie di collage e, per una volta, le due anime si adatteranno a una sistemazione di fortuna, andando entrambe ad abitare nello stesso corpo.”
Dino Buzzati, da “Un amore”, 1963
*****
“La distanza non è un problema.
Il problema siamo noi umani,
che non sappiamo amare senza toccare,
senza vedere o senza ascoltare.
E l’amore si sente con il cuore,
non con il corpo.”
Gabriel García Márquez
*****

“Avrebbe voluto che suo marito le dicesse che era bella e che il suo amante le dicesse che l’amava. Impossibile. Stando così le cose, li lasciò entrambi e si comprò un grande specchio e le opere complete di Mozart. Non fu mai tanto felice come in quell’estate azzurra.”

Ángeles Mastretta, “Mariti”

*****

Desiderio e paura, le due parole che respirano insieme in un solo respiro. Se l’amore ha un cuore, è in quel respiro.”

John Berger, da “Modi di vedere”

*****

“Non ci si uccide per amore di una donna. Ci si uccide perché un amore, qualunque amore, ci rivela nella nostra nudità, miseria, inermità, amore, disillusione, destino, morte.”

Cesare Pavese, da Il mestiere di vivere”

*****

“Ogni singola storia d’amore, vissuta o inventata, riesce a essere unica e diversa e irripetibile rispetto ai miliardi di altre storie già accadute, che accadono, che accadranno. Insomma, l’amore non s’impara né teoricamente né andando a bottega da altri. S’impara amando, vale a dire perdendosi.”
Andrea Camilleri, da “Segnali di fumo”, 2014
*****
Renato Guttuso, “Gli addio di Francoforte”, 1968
*****
“Anche se non sei qui
anche se sei un’ombra lontana anni,
ti amo all’improvviso
alle tre del pomeriggio,
l’ora in cui i pazzi
sognano di essere spaventapasseri vestiti da marinai
mentre spaventano nuvole in campi di grano”
Jorge Teillier (poeta cileno), frammento di “Senza segni di vita”, in “I sentieri infiniti”
*****
“Innamorarsi non ha
grande merito.
La cosa davvero difficile
– non conosco
neppure un caso –
è uscire intero
da una storia d’amore.”
Karmelo C. Iribarren
*****
“Qualsiasi amore che dipende da qualcosa, quando quella cosa perisce, anche l’amore perisce. Ma [un amore] che non dipende da qualcosa, non  perirà  mai.  Qual  è  [un  esempio  di]  un  amore  che  dipende  da  qualcosa?  Questo  è  l’amore  di Amnon  e  Tamar.  E  [un  amore]  che  non  dipende  da  qualcosa?  Questo  è  l’amore  di  Davide  e Gionata”
Pirkei Avot 5, 16
*****
“Non aver paura
di essere un fiore fragile
– lo siamo tutti
prima che smetta
la tempesta.
Tu non lo sai
ma quando ami
regali brividi alla terra.”
Nicoletta Bidoia
*****

“Lascia che te lo dica oggi quanto ti voglio bene, quanto tu sei stato sempre per me, come hai arricchito la mia vita. Per te non avrà molta importanza. Tu sei abituato all’amore, esso non è nulla di strano per te, sei stato amato e viziato da tante donne. Per me è un’altra cosa. La mia vita è stata povera d’amore, mi è mancato il meglio. Se tuttavia so che cos’è l’amore, è per merito tuo. Te ho potuto amare, te solo fra gli uomini. Tu non puoi misurare ciò che significhi. Significa la sorgente in un deserto, l’albero fiorito in un terreno selvaggio. A te solo debbo che il mio cuore non sia inaridito, che sia rimasto in me un punto accessibile alla grazia.”

Hermann Hesse, da “Narciso e Boccadoro”, 1930

*****

Sabeth (Elisabetta Lo Greco), “Bacio al museo”, 2018

*****

“Non dire mai che ami qualcuno se non hai mai visto la sua rabbia, le sue cattive abitudini, le sue credenze assurde e le sue contraddizioni.
Tutti possono amare un tramonto e la gioia, solo alcuni sono capaci di amare il caos e la decadenza.”
Mario Vargas Llosa
*****
“È a cent’anni che si scopre l’amore.
Prima no.
Prima si muore.”
Emilio Isgrò, da “Ciò che resta di Dio”, 2019
*****
“È facile capire come nel mondo esista sempre qualcuno che attende qualcun altro, che ci si trovi in un deserto o in una grande città. E quando questi due esseri s’incontrano e i loro sguardi s’incrociano, tutto il passato e tutto il futuro non hanno più alcuna importanza. Esistono solo quel momento e quella straordinaria certezza che tutte le cose, sotto il sole, sono state scritte dalla stessa mano, la mano che risveglia l’Amore e che ha creato un’anima gemella per chiunque lavori, si riposi e cerchi i propri tesori sotto il sole, perché se tutto ciò non esistesse non avrebbero più alcun senso i sogni dell’umanità.”
Paulo Coelho, da “L’Alchimista”, 1988
*****
“Ero troppo per te.
Troppo orgogliosa. Troppo scorbutica. Troppo problematica. Troppo insicura. Troppo poco gentile. Troppo poco dolce. Troppo disordinata. Troppo bambina. Troppo matura. Troppo emotiva. Troppo sognatrice. Troppo poco romantica. Troppo caparbia. Troppo poco elastica. Ero troppo per te.
Ma non ero mai abbastanza.”
Carlos Ruiz Zafón, da “L’ombra del vento”, 2001
*****
“La gente crede che l’anima gemella sia come un vestito che ci sta alla perfezione, e tutti la cercano per questo. E invece è uno specchio che ti mostra tutti i tuoi limiti, e attira la tua attenzione su di te, facendoti capire che è il momento di cambiare la tua vita.”
Elizabeth Gilbert
*****
Julie Aldridge Mosaics
*****

Ai 愛 è la parola che significa «amore» in giapponese.
[…] Anticamente 愛 si leggeva kanashi, ovvero «triste», «melanconico»: un’assonanza che giustifica quel che accade negli ingranaggi di questo ideogramma, perché lasciare indietro il proprio cuore, è quanto accade a chiunque sia coinvolto nell’amore; si è presenti a se stessi e tuttavia ci si sente incompleti, come tirati indietro da qualcosa di impalpabile, un appiglio emotivo che non rende liberi di allontanarsi da dove si trova chi si ama.”

Laura Imai Messina, da “WA, la via giapponese all’armonia”

*****

“Ma forse un giorno tu busserai ancora alla mia porta ed io mi amerò così tanto da non aprire.”
Francesco Roversi
*****
“Quello di amare senza aspettarsi nulla in cambio, è bello nelle favole. Ma nella vita reale, un amore maturo richiede un delicato equilibrio tra dare e ricevere, perché tutto ciò che non è reciproco… diventa tossico.”
Bert Hellinger
*****
“L’amore è il nostro vero destino.
Non troviamo il significato della vita da soli. Lo troviamo assieme a qualcun altro.”
Thomas Merton
*****
“Se mi chiedono quante volte
mi sono innamorata
rispondo sempre una.
Solo una: l’ultima.
Se l’ultima non annulla
tutte le volte precedenti,
allora è inutile.”
Susanna Casciani
*****
“Ma cos’è lottare? C’è la lotta greco-romana, il wrestling, il braccio di ferro, il sumo, la lotta libera, la lotta delle idee, la lotta con la fede… Hanno tutte una cosa in comune: la vicinanza.
Riesci a tenerti solo quello che ti rifiuti di lasciare andare.
Quello con cui non lottiamo lo lasciamo andare. L’amore non è assenza di sforzo. L’amore è sforzo.”
Jonathan Safran Foer
*****
Sarah Jarrett (artista britannica)
*****
“Che lungo abbraccio ti darei
nella penombra delle mie spine!”
Federico García Lorca, da “Mora di rovo dal tronco grigio”
*****
“L’Era dei Miracoli si rinnova,
Amami come fossi ancora giovane
O lasciami sognare che lo sia,
Quando i miei ultimi anni si saranno esauriti
Avrai il tempo di congedarti
E riempire gli occhi con il giorno.”
W.B. Yeats, da “Margot”
*****
“Ovunque, mescolate alle particelle dell’aria che respiriamo, ci sono particelle d’amore errante. A volte si condensano e cadono come pioggia sul nostro capo. A volte no. Dipende così poco dalla nostra volontà, come un acquazzone di primavera. Tutto ciò che possiamo fare è restare il meno possibile al riparo. Ed è forse questo che non funziona nel matrimonio: questo lato dell’ombrello.”
Christian Bobin, da “Folli i miei passi”, 2013
*****
Era diventata rossa e aveva tirato la pancia indietro.
“Devo mettermi a dieta”.
Lui aveva scosso la testa :
“Niente dieta, niente dieta”.
Non voleva che nel mondo esistesse nemmeno un centimetro di meno di lei.
Virginia MacGregor, da “Quello che gli occhi non vedono”, 2015
*****
Lisandro Rota
*****
“Molti divorzi nascono da un’incomprensione. Come molti matrimoni.”
Tristan Bernard, da “Il figliol prodigo di Vésinet”, 1921
*****
“Dà angoscia il vivere di un consumato amore.”
Patrizio Barbaro, in Fabio Pierangeli – Patrizio Barbaro, “Pier Paolo Pasolini. Biografia per immagini”
*****
Il verbo AMARE è davvero di difficile coniugazione:
il suo passato non è prossimo, il suo presente non è indicativo e il suo futuro non è un condizionale.”
Jean Cocteau, da “Il cammino di un poeta”, 2015
*****
“L’amore è questa incredibile fortuna che qualcun altro vi ami ancora quando non potete più amarvi voi stessi.”
Jean Guétenno
*****
Banksy, “Mobile lovers”
*****
“L’Amore è come uno specchio. Quando ami qualcuno, tu diventi il suo specchio e lui il tuo…
E specchiandoti nel reciproco Amore vedi l’Infinito.”
Leo Buscaglia, “Amore”, 1972
*****
“Non esistono due persone che abbracciano allo stesso modo.
C’è l’abbracciatore delicato che vi aleggia tra le braccia. C’è l’abbracciatore impetuoso che si butta.
C’è quello che vi dà manate sulle spalle. Bam! Bam! Bam!
C’è il tenero che sparisce tra le vostre braccia e scodinzola. Non ditemi che abbracciare è noioso!”
Leo Buscaglia, da “Vivere, amare, capirsi”, 1982
*****
“Il tuo amore sono raggi di sole che passano attraverso le mura e le sbarre del carcere, accarezzano la mia pelle, scaldano ogni mia cellula, mi aiutano a mantenere la calma, la pace, così che ogni minuto in prigione possa essere pieno di significato.
Il mio amore per te ha sensi di colpa e rimpianti, a volte fa vacillare i miei passi.
Ma è solido, forte, può superare ogni ostacolo.
Anche se sarò ridotto a sola polvere, ti abbraccerò con le mie ceneri.”
Liu Xiaobo, da “Non ho nemici”
*****
“L’amore non è già fatto.
Si fa.
Non è un vestito già confezionato,
ma stoffa da tagliare, preparare e cucire.
Non è un appartamento chiavi in mano,
ma una casa da concepire,
costruire, conservare e, spesso, riparare.”
Michel Quoist, da “Riuscire”, 1962
*****
“Mi sono innamorata tanto?
Oh sì!
La prego faccia altrettanto!”
Vivian Lamarque
*****
“Ama e ridi se amor risponde
Piangi forte se non ti sente Dai diamanti non nasce niente
Dal letame nascono i fior.”
Fabrizio de André, da “Via del campo”
*****
“Diventiamo quello che amiamo
tutto il resto è semplice movimento.”
Rashani Rea
*****
Roy Lichtenstein, “In the car”, 1963
*****
“Cos’è l’amore? Dopo tutto, è abbastanza semplice. L’amore è tutto ciò che esalta, amplifica e arricchisse la nostra vita. Nelle sue altezze e nelle sue profondità.
L’amore ha un po’ di problemi come un’auto a motore. Gli unici problemi sono l’autista, i passeggeri e la strada.”
Franz Kafka, in Gustav Janouch, “Conversazioni con Kafka”, 1951
*****
D’amore uno muore tante volte
che impara a risuscitare, a rialzarsi
e torna a dire “ti amo”,
suicidamente.
Andrés Castuera Micher (poeta e scrittore messicano)
*****
Foto di Bruce Weber
*****
“E capisco che la nostra convivenza
era un fumo
che raggiungeva il cielo…”
Givi Alkhazishvili, poeta georgiano
*****
Mi piacerebbe che tu fossi qua, bussassi alla porta e dicessi: “Sono io! Indovina cosa ti porto?” E mi portassi te stessa.
Boris Vian
*****
“Vorrei vivere nella tua voce, nei tuoi gesti, nei tuoi occhi,
anche quando mi avrai dimenticato.”
Angelo Maria Ripellino, da “Notizie dal diluvio”, 1969
*****

Nell’immagine in alto: “Les Amoureux de Peynet”. In basso: il chiosco in cui Pynet ebbe l’idea di creare Les Amoureux

(E’ una sera del 1942: il mondo è sprofondato nella II guerra mondiale e la Francia è occupata dai tedeschi. Raymond Peynet, un illustratore vignettista della rivista Ric & Rac, è a Valence, dove vive con la la figlia Annie e con la moglie Denise, il suo primo amore…E se è vero che “omen nomen” (“il nome è un presagio”) il cognome di Denise è Damour!  In quella sera del 1942, Peynet è alla stazione ad aspettare il treno per Clermont Ferrand, quando la sua attenzione viene catturata da un  violinista dai capelli lunghi che suona in un chiosco vicino;  accanto a lui, una ragazza seduta su una panchina, lo ascolta ammaliata  dalla dolcezza malinconia di quelle note. Peynet, a sua volta rapito da quella scena, comincia a fantasticare immaginando una storia d’amore tra i due ragazzi. Ed ecco materializzarsi Valentina e Valentino, i due “fidanzatini” destinati a diventare i protagonisti assoluti di ogni genere di pubblicità  e oggi custoditi in ben quattro musei: ad Antibes, a Karuizawa e a Sakuto-cho, in Giappone, e naturalmente nel chiosco di Valence, oggi  diventato monumento nazionale, dove è cominciata….la loro storia d’amore.)

Lascia un commento